La situazione di emergenza per il diffondersi del Covid-19 ha cambiato profondamente le abitudini quotidiane di tutti noi. A subire la trasformazione più grande sono le abitudini sociali e di consumo. Molte attività commerciali sono state chiuse per la sicurezza sanitaria, mentre altri settori hanno ricevuto un rilevante rialzo.

 Tra questi, il settore dell’e-commerce.

 

COS’È L’E-COMMERCE?  L’e-commerce è il commercio su internet e consiste nella vendita e nell’acquisto via web.                                                                                           

 In questo difficile 2020/21 anche il consumatore più’ restio  sembra aver cambiato atteggiamento verso gli acquisti online, in parte perché costretto dalla situazione, ma anche perché le piattaforme diventano sempre più alla portata di tutti. In Italia, le vendite online sono cresciute e gli investimenti nel settore della logistica sono in forte aumento.       

Già prima dello scoppio dell’epidemia,                  

Amazon rappresentava il marketplace più utilizzato nel nostro paese. Il suo utilizzo è ora aumentato ancora di più, sostituendosi anche ai negozi fisici e diventando il canale di acquisto più visitato dagli utenti costretti a rimanere a casa.

 

 

CHE IMPATTO AVRÀ L’E-COMMERCE SUI NEGOZI FISICI?

Se fino ad un anno fa questo interrogativo poteva risultare per alcune persone una semplice preoccupazione, adesso anche i più restii devono ammettere che è una problematica reale e che ha già impattato sul commercio in maniera significativa. Si potrebbe pensare che il fenomeno riguardi soltanto i piccoli negozianti, ma non è così, tutti all’interno del settore hanno dovuto fare i conti (o il faranno prima o poi) con il fenomeno della vendita online.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                               

 

Un esempio lampante sono le grandi catene commerciali come Zara e Bershka, le quali hanno preso la decisione di chiudere 1200 punti vendita in tutto il mondo, spostando i loro investimenti sulla vendita online. Un altro gruppo da prendere in riferimento è Starbucks che pianifica di chiudere entro la fine dell’anno 400 negozi, potenziando la sua    App, che permette di richiedere la consegna del proprio caffè  tramite smartphone.                  

 

Se le grandi aziende, che sembravano agli occhi di tutti inattaccabili,  hanno dovuto apportare modifiche tanto drastiche, allora quale prospettiva c’è per i piccoli negozianti, già messi a dura prova dalla situazione economica causata dall’emergenza sanitaria? 

Probabilmente, per dare una risposta concreta ed efficace, dovremmo puntare lo sguardo sul  comportamento del consumatore che si adatta continuamente alle situazioni che lo circondano (come in questo caso) e valuta vari aspetti su come e quando acquistare.  E’ evidente, dunque, come l’esperienza di vendita sia radicalmente cambiata e di conseguenza anche le esigenze del consumatore.                                                                                                                                                                In conclusione,possiamo affermare che al centro delle problematiche economiche-sociali nate negli ultimi tempi,

c’è un elemento comune :

il cambiamento“.

Il modo per affrontare il cambiamento è l’adattamento, che costringe ad uscire dalla propria routine, aprendo lo sguardo verso nuovi orizzonti, prendendo il cambiamento stesso come un’opportunità di crescita e di miglioramento, arricchendo le proprie capacità professionali e personali.

 

                                                                   

 

 

 

Facebooktwitter