BIGORESSIA DA NON CONFONDERE CON LA VIGORESSIA

Mentre nella Vigoressia l’obiettivo principale è quello di cambiare eccessivamente la propria massa corporea

per concorsi competitivi come quelli del Body Building,  la Bigoressia è un vero e proprio disturbo presente, nella maggior parte dei casi, nel sesso maschile.

Il termine “bigoressia” proviene dall’inglese BIG, ossia “grande” e dal latino OREX , che sta per “fame”.

Possiamo, dunque, definirla una “fame di grossezza” e denota il timore di avere un fisico poco adatto agli standard estetici.

 

 

 

LA BIGORESSIA E’ UN’ANORESSIA INVERSA

Il soggetto anoressico si vede grasso seppure è oggettivamente magro, il bigoressico, pur avendo già un fisico atletico, vede il suo corpo troppo magro.

Il voler crescere la propria massa muscolare, porta a cambiare dieta con le conseguenze di mangiare in modo sconsiderato pur di inserire nel proprio corpo una quantità di calorie eccessive.

Il problema nasce anche quando si inizia a fare abuso degli integratori alimentari e quest’ultimi sono considerati un elemento fondamentale per chi va in palestra e vuole aumentare la propria massa muscolare. Eppure, chi consuma dosi enormi di integratori si espone a gravi rischi per la salute, quali i disturbi del metabolismo o anche l’ invecchiamento delle cellule.

Questi rischi sono tanto pericolosi quanto quelli dell’anoressia: depressione, bassa autostima e sbalzi d’umore.

 

 

 

GLI STEROIDI ANABOLIZZANTI

Quando gli integratori, o la dieta, non bastano più e il corpo non cresce più naturalmente è probabile che i bigoressici , proprio per il bisogno di crescere,

facciano riferimento agli steroidi anabolizzanti che sono dei veri e propri ormoni che contribuiscono alla crescita muscolare, alla forza e all’energia.

Però, questi farmaci hanno molti effetti collaterali sia a livello psicologico che a livello fisico.

 

 

 

 

LA BIGORESSIA E’ CAUSATA DALLA NOSTRA SOCIETA’

L’opinione pubblica pone poca attenzione alle problematiche e alle esigenze maschili, ed anche l’uomo, al pari della donna, può essere oggetto di offese e discriminazioni se non risponde agli standard estetici imposti dalla società. Infatti, l’uomo che risponde a questi “standard” è quello sicuro di sé, quello che non mostra le sue fragilità e questo fa di lui una persona attraente.

Ma non è detto che tutti i ragazzi abbiano queste caratteristiche.

Tuttavia, queste pressioni psicologiche che anche gli uomini subiscono sono messe in secondo piano; ed è qui che nasce la bigoressia, i cui fattori scatenanti possono dipendere anche da gravi insicurezze sociali, quali un lavoro malpagato, la mancanza di aiuto, minacce di qualsiasi genere come quelle sui figli, sul matrimonio, sulla casa.

Pertanto, la bigoressia, come gli altri disturbi alimentari, va combattuta in quanto è causata da  “canoni di bellezza” imposti dalla società per un uomo perfetto e privo di debolezza. Questi stereotipi vanno combattuti ed aboliti per restituire ad ognuno la propria dignità e il proprio equilibrio psicofisico.

Facebooktwitter