Al giorno d’oggi molte  persone sono convinte che l’uomo debba sempre sovrastare  la donna, soprattutto in campo lavorativo.                                                                                                                                                          Eppure una giovanissima scienziata ha dato magnificamente testimonianza che questo stereotipo è decisamente da accantonare. Inoltre, ha dimostrato anche che la nuova generazione  non è formata solo da giovani superficiali  il cui pensiero va solo ai social.                                                                                             Dunque chi è la selezionata tra oltre  5.000 candidati che ha ottenuto il titolo di “Kid  of the year”  dal giornale “Time”?                                                                                                                                                                Gitanjali Rao è una ragazza di 15 anni che  ha utilizzato  la tecnologia per contrastare problemi come l’acqua potabile contaminata, la dipendenza da oppioidi e il cyberbullismo. Per giunta ha anche creato una comunità globale di giovani innovatori per risolvere i problemi in tutto il mondo.

Nei primi anni di scuola primaria ha iniziato a pensare a come possiamo usare la scienza e la tecnologia per realizzare un cambiamento sociale.                                                                                                                         All’età di 10 anni disse ai genitori che voleva fare ricerche sulla tecnologia dei sensori di nanotubi di carbonio. Da lì ha capito che se nessuno avesse provveduto a quel progetto, ci avrebbe pensato lei.              La giovanissima scienziata non solo punta a salvare l’intero pianeta, ma mira anche ad aiutare i suoi coetanei e non.  È  lei, infatti, la mente che si cela dietro il progetto chiamato Kindly, un’app con un’estensione di Chrome in grado di individuare il cyberbullismo in una fase iniziale. Grazie alla tecnologia dell’intelligenza artificiale, ha realizzato  una codificazione di alcune parole che potrebbero essere considerate bullismo. Basta digitare una parola o una frase e l’app è in grado di capire se si tratta di bullismo. Si puo’ modificarla o inviarla come è. Quindi si può  ripensare a ciò che si sta dicendo in modo da sapere cosa fare la prossima volta. Un intelligente metodo per imparare dai propri errori. Hanno premiato Gitanjali anche  per l’incoraggiamento rivolto ai giovani a fare sempre meglio, Difatti ha detto: “Non cercare di risolvere ogni problema, concentrati solo su quello che ti eccita. Se posso farlo io, può chiunque altro.”       

 

Facebooktwitter